Cessione del quinto e coperture assicurative

Il lavoratore, alla sottoscrizione di un’operazione di cessione del quinto dello stipendio, è tenuto per legge a sottoscrivere una polizza assicurativa, rischio vita e rischio impiego. L’assicurazione garantisce l’istituto erogante il prestito da eventuali sinistri per premorienza, invalidità permanente, perdita dell’impiego per dimissioni, licenziamento o fallimento dell’azienda.

Per i dipendenti di aziende private, per esempio, la perdita dell’impiego è garantita dal TFR maturato dal cedente. Il TFR può essere accantonato presso l’azienda e/o presso Fondi Pensione Complementare o compagnie di assicurazione. Qualora il TFR non fosse sufficiente a coprire il residuo debito dell’operazione, interverrà la compagnia assicurativa che provvederà a risarcire all’istituto erogante un importo per differenza tra il debito residuo e il TFR incassato. Successivamente, l’assicurazione avrà diritto di rivalsa sul contraente il finanziamento per il recupero del debito residuo.

Diversamente avviene in caso di sinistro per “premorienza od invalidità permanente”, ovvero morte prematura o gravi ripercussioni causa di invalidità permanente, laddove la compagnia risarcirà l’istituto erogante senza rivalsa alcuna sul TFR o sugli eredi.

Il costo delle polizze assicurative varia in funzione di 6 fattori:

  • tipologia di amministrazione presso cui presta servizio il cedente;
  • capitale lordo mutuato (montante);
  • durata del finanziamento;
  • età del cedente;
  • anzianità di servizio;
  • sesso del cedente;

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968