Il Tasso di Interesse – TAN e TAEG

Il tasso di interesse fornisce la misura percentuale per valutare il costo di un’ operazione di prestito per il richiedente. Generalmente viene espresso su base annua, ma può essere anche ridimensionato su periodi diversi (bimestre, trimestre, etc.).

Insieme a durata e importo desiderato, il tasso contribuisce a determinare la fattibilità dell’operazione, poiché la sua misura influisce sul calcolo della rata. Per chi lo eroga costituisce il corrispettivo del servizio. Per questo motivo viene definito come “costo del denaro”.

Nel momento in cui viene effettuata una proposta da una società finanziaria, vengono indicate due diverse misure di tasso di interesse, che prendono il nome di TAN e TAEG.

Il TAN è il Tasso Annuale Nominale ed indica il costo puro del capitale, a prescindere dalle altre spese connesse all’operazione di prestito a cui il richiedente dovrà far fronte. E’ quello che deve essere utilizzato per il calcolo delle rate, ma di per sé non riassume il costo reale del finanziamento.

Il TAEG è il Tasso Annuo Effettivo Globale e, grazie alle sue caratteristiche, supplisce alle mancanze del TAN. Esso comprende infatti tutti gli elementi che influiscono sul costo effettivo dell’operazione, quali spese di istruttoria, assicurazioni e altri oneri. In questo modo il TAEG fornisce una misura del costo “reale” del prestito risultando quindi utile per la comparazione di più proposte di finanziamento, anche se non può essere impiegato per il calcolo delle rate.

La differenza tra i due tipi si minimizza sempre di più se si prendono in considerazione tassi di interesse di piccola entità. Nei finanziamenti il TAN e TAEG, per legge, devono essere necessariamente messi evidenza in modo chiaro ed esplicativo, non solo nel contratto, ma anche nelle attività di promozione pubblicitaria. Questo obbligo costituisce una forma di tutela per il consumatore, che avrà la possibilità di verificare sempre la reale convenienza dei prestiti, soprattutto quando sono pubblicizzati come “a tasso zero” (in genere il TAEG non è mai pari a zero).

Calcolo rata prestiti personali