Prime rate: definizione del vecchio tasso ABI per i migliori clienti

prime rate

Prime rate è il nome di un tasso dedicato in passato ai migliori clienti. Questo parametro non viene più considerato come tasso di riferimento a partire dall’1 gennaio 2005, ma in passato aveva un ruolo fondamentale. Si trattava infatti del tasso di interesse che veniva rilevato dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana) ogni 15 giorni, con l’obiettivo di determinare il tasso che gli istituti di credito potevano applicare ai finanziamenti concessi ai clienti migliori. Successivamente all’esclusione di questo tasso, alcune banche hanno inviato ai propri clienti un’apposita comunicazione che informava della modifica del tasso di interesse.

Cos’era il prime rate ABI

La rilevazione periodica è iniziata da parte dell’Associazione Bancaria Italiana nel 1985. In quel caso si trattava di una rilevazione a periodicità mensile, che veniva effettuata in base ad alcuni criteri statistici. Serviva a determinare il livello del tasso medio che veniva applicato di consueto ai clienti primari, al netto delle commissioni accessorie.

La periodicità è stata modificata da mensile a quindicinale nel giugno del 1989. L’obiettivo è stato quello di realizzare un’informativa maggiormente tempestiva al mercato in relazione all’andamento del parametro di riferimento.

La rilevazione del prime rate ABI veniva effettuata attraverso la segnalazione alla fine del periodo di riferimento di alcune informazioni da parte degli istituti che partecipavano al processo. Si trattava in particolare di:

  • prime rate in vigore nel momento in cui veniva effettuata la rilevazione;
  • crediti complessivi usati in conto corrente al termine del mese precedente rispetto a quello in cui era effettuata la rilevazione;
  • crediti usati in conto corrente ed erogati al tasso prime rate o a tassi inferiori, al termine del mese precedente rispetto a quello in cui era effettuata la rilevazione.

Nel caso della rilevazione alla metà del mese, le aziende comunicavano esclusivamente il primo punto (il prime rate in vigore al momento preciso), mentre venivano esclusi gli altri due dati, che venivano utilizzati per la rilevazione relativa al termine del mese precedente.

Prime rate ABI: la rilevazione ritenuta superata

Con un’apposita comunicazione, l’Associazione Bancaria Italiana nel 2003 ha specificato che a partire dal 31 dicembre 2004 non sarebbe stato più rilevato il prime rate medio. La decisione è stata presa dal Comitato Esecutivo dell’Associazione, in base ad una revisione importante delle rilevazioni dal punto di vista statistico sui tassi di interesse proposti dagli istituti di credito.

In particolare l’ABI ha spiegato che si riteneva superata la rilevazione del tasso di interesse medio in questione per due motivi: le innovazioni metodologiche proposte dai nuovi sistemi di statistica e la possibilità di conoscere nuovi dettagli, come il TAEG sui mutui e i tassi dettagliati per le famiglie e le imprese, delle informazioni che rispondevano meglio alle esigenze di informazione. Per questi motivi si è deciso di non procedere più alla rilevazione del prime rate ABI.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.