Carte di credito clonate: 60 bulgari arrestati a Bari e a Roma

Manomissione agli sportelli, tecnologie per carpire i codici e clonare le carte. Ecco un’altra storia di truffe riguardanti le carte di credito, che ha portato a scoprire un’organizzazione internazionale che lucrava per milioni di euro a scapito dei possessori di carte elettroniche.

L’epilogo? Sessanta cittadini bulgari sono stati arrestati dalla polizia in un’operazione congiunta di Bari e Roma: i due gruppi di truffatori si adoperavano nella clonazione di carte di credito e si sono visti sequestrare beni per 15 milioni di euro. I malfattori operavano non solo in Italia, ma avevano agganci in tutta Europa oltre a Paesi extraeuropei come Russia, Stati Uniti, Kenya e Sud Africa.

Il quartier generale dell’organizzazione era in Bulgaria, nella città di Sofia, da dove provenivano le direttive a tutti i gruppi sparsi per il mondo. L’operazione ha infatti coinvolto le forze dell’ordine di Bulgaria, Spagna, Stati Uniti, Germania e Polonia, oltre naturalmente a quelle Italiane.

Le indagini sulle attività illecite del gruppo sono ancora in corso, ma i consigli alla prudenza non sono mai troppi: attenzione quando prelevate contanti agli sportelli esterni delle banche e – se potete – preferite i bancomat interni o quelli videosorvegliati e con ingresso “in cabina”. E’ sempre utile poi attivare il servizio di avviso sul cellulare ogni qualvolta un prelievo o un pagamento venga effettuato dalla vostra carta.

Accorgersi tempestivamente limita i danni.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968