Carte di credito: come non farle clonare

Ad incapparci sono sempre gli altri, ma la minaccia è dietro l’angolo e prestare un po’ di attenzione, molte volte, può fare la differenza (ed evitare un sacco di scocciature). Sempre più organizzazioni criminali si attrezzano per clonare le carte di credito e i bancomat e, nonostante il sistema di protezione con il chip, la tecnologia avanza anche per i malintenzionati. E allora vediamo cosa possiamo fare, nelle nostre abitudini quotidiane, per aumentare la nostra sicurezza nell’utilizzo degli strumenti di credito.

Le notifiche via sms
Tanto per cominciare, quasi tutte le banche ormai offrono il servizio di notifica delle operazioni effettuate tramite sms. Consiste nell’invio automatico di una notifica sul cellulare ogni qualvolta si effettui un’operazione con la propria carta di credito o bancomat, in modo che è più facile tenere sotto controllo i movimenti e accorgersi in tempo reale dell’utilizzo della carta. Se qualcuno la ruba o la clona, un messaggino ci avvertirà immediatamente e sarà così possibile allertare la banca nel giro di pochi minuti per predisporre il blocco della carta stessa.

Le operazioni all’ATM
Un altro piccolo accorgimento da adottare ogni qualvolta si effettuino operazioni al Bancomat, è quello di coprire con una mano il tastierino quando si digita il nostro codice segreto. Tuttavia, non sempre questo accorgimento si rivela utile, perché i ladri utilizzano a volte delle tecnologie avanzate, come tastierini sovrapponibili a quelli originali degli ATM, che memorizzano la digitazione dei codici. In questo caso, l’utente può fare ben poco, ma tentare di proteggersi non è mai una cattiva abitudine.

I controlli sullo sportello Bancomat
E’ sempre bene, inoltre, dare una controllata all’ATM prima di effettuare le operazioni. A volte vengono piazzate infatti delle telecamerine che servono a rubare il codice segreto. Vengono solitamente poste nella parte alta dello sportello o di lato (spesso presso i raccoglitori di scontrini vecchi). La telecamera viene infilata in un tubicino di plastica con un forellino, rivolto verso il tastierino numerico. Quando viene piazzata la telecamera è presente anche uno skimmer, ovvero un meccanismo infilato nella fessura di inserimento della carta che contiene un microchip in grado di registrarne i dati.

Il recupero rapido della carta
Spesso gli skimmer impiegano qualche secondo per duplicare i dati delle carte di credito, quindi un recupero rapido della stessa nelle fasi finali delle operazioni effettuate è un buon rimedio contro la clonazione.

Cosa evitare di fare
Le carte di debito a strisciata, spesso, sono utilizzabili come carte di credito di cui sono state carpite le credenziali, anche senza digitare il Pin. Attenzione quindi a non permettere mai al negoziante di effettuare l’operazione per vostro conto: alcuni esercenti compiacenti possono proporvi “uno scambio” per una strisciata utilizzando codici rubati in cambio di uno sconto sull’importo speso.

Il sospetto di clonazione
Un’altra buona prassi da adottare quando si utilizza la carta negli esercizi commerciali o per i pagamenti, è quella di richiedere sempre lo scontrino, specialmente quando la carta viene rifiutata o non ha consentito il pagamento. Spesso, infatti, i commercianti che hanno installato apparecchiature Pos modificate per carpire i dati dei clienti, hanno richiesto un’altra carta di credito senza fornire la prova del rifiuto della transazione.

I controlli sulle carte d’identità
D’altro canto, anche i commercianti possono fare qualcosa: il controllo sulle carte di credito consiste nell’esibizione del documento d’identità, e il commerciante al momento del pagamento verifica semplicemente che il nome sulla carta di credito coincida con quello sulla carta d’identità. Ma spesso le due cose vengono custodite insieme e nel caso di furto del portafogli, il ladro avrà a disposizione entrambi. Meglio allora controllare sempre la fotografia su uno dei due e confrontarla con la persona che abbiamo davanti.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968