Carte di credito e acquisto carburanti: la semplificazione semplifica davvero?

Dal dire al fare… c’è di mezzo il decreto legge. Il DL 70, legge 106/2011 articolo 7, per l’esattezza. Si tratta del provvedimento che esonera dall’obbligo della tenuta delle schede carburanti da parte di tutti coloro che debbono detrarre l’Iva per i costi aziendali o lavorativi. Ma la semplificazione normativa semplifica davvero le cose?

Quando l’acquisto viene infatti pagato con carta di credito o di debito, pare proprio che le cose si complichino, e non di poco. Perché con il pagamento elettronico, sembra impossibile poter procedere al rimborso dell’Iva senza la tenuta delle schede carburante.

A tal proposito, Carmelo Lo Monte e Karl Zeller hanno presentato un’interrogazione parlamentare, chiedendo che i mezzi di pagamento elettronico possano essere equiparati – tramite estratto conto – alle annotazioni della scheda carburante.

Per ora la risposta è stata prudente: l’estratto conto consentirebbe infatti di rintracciare quelle operazioni soggette a detrazione dell’Iva, ma bisogna rendere fattibile la verifica del diritto alla detrazione. In poche parole, il problema starebbe nello scorporo dell’imposta: mentre nel pagamento con carta di credito l’importo registrato è ovviamente quello del prezzo comprensivo di Iva, nella vecchia scheda carburante il netto era separato dall’imposta.

Come dire… ci stiamo perdendo in un bicchier d’acqua. Non resta che aspettare e vedere come andrà a finire…

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968