COSME: chi può ottenere la garanzia europea per le imprese

cosme

COSME è un programma europeo dedicato alla competitività delle imprese. Rivolgendosi a questa iniziativa, le imprese che operano all’interno degli Stati membri dell’Unione Europea hanno la possibilità di crescere e dir aggiungere risultati importanti, che si possono ottenere non soltanto nel mercato europeo specifico, ma anche in quello internazionale inteso in senso più generale. Il sistema proposto da COSME è in grado di fornire miliardi per i finanziamenti a vantaggio degli imprenditori. Tutto questo è possibile accedendo alle ingenti risorse europee, che la Commissione Europea ha voluto appositamente destinare con l’obiettivo di aiutare le aziende e il mercato nella crescita. Ma vediamo più specificamente cos’è il COSME e quali possibilità sono riservate alle imprese.

COSME: in cosa consiste la garanzia europea alle PMI

Il COSME prevede la creazione di un mercato comune molto efficiente basato sulle buone pratiche e sulla facilità degli scambi. Già esisteva un precedente programma simile, che è stato attuato dal 2007 al 2013. Già questa iniziativa precedente aveva consentito di ottenere risultati non indifferenti, ma adesso l’Unione Europea vuole potenziare ciò che è stato ottenuto.

Non si tratta soltanto di sostenere la diffusione della cultura imprenditoriale, ma anche di passare alle iniziative concrete per agevolare l’accesso ai mercati, per conoscere le opportunità del mercato e per poter disporre di un capitale da utilizzare negli investimenti.

Questi ultimi costituiscono una vera e propria forma di garanzia per le piccole e medie imprese, che non potrebbe essere tanto elevata, se non si ricorresse all’attuazione di un programma di questo tipo.

Chi può accedere a COSME: i requisiti

Possono accedere al COSME le piccole e medie imprese, gli aspiranti imprenditori, gli enti della Pubblica Amministrazione. Chi è interessato non deve fare altro che partecipare ai bandi e alle gare di appalto che vengono emanati con una certa periodicità. Possono accedere a queste risorse anche i liberi professionisti, le start-up e gli Stati che fanno parte dell’associazione europea di libero scambio e dello spazio unico europeo.

La partecipazione è riservata anche a quei Paesi che si sono candidati ad entrare a fare parte dell’Unione Europea. Fino al 2020 è prevista l’emanazione di vari bandi con diversi tipi di finanziamenti.

Questi ultimi possono essere considerati una forma intermedia tra gli investimenti in capitale di rischio e quelli in capitale di debito. Si configurano come uno strumento che può essere veramente importante per quelle imprese che sono in fase di crescita e che lavorano con altri Paesi. Inoltre rappresentano una buona possibilità per disporre di fondi da investire nella ricerca e nell’innovazione.

Si tratta spesso di prestiti subordinati e partecipativi, di leasing, di garanzie bancarie e di accordi di condivisione di rischio con determinati intermediari finanziari, da sfruttare in tutte le loro caratteristiche per delle ottime prospettive di sviluppo.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.