Finanziamenti start-up: chi può ottenerli e come funzionano

Per incentivare lo sviluppo di nuove realtà imprenditoriali, sono stati istituiti finanziamenti per le start-up. Solitamente si tratta di finanziamenti agevolati e rivolti ai giovani imprenditori. Nella maggior parte di casi, questi finanziamenti arrivano sotto forma di prestiti e gli interessati possono accedervi attraverso degli specifici bandi di concorso. Chi finanzia le start-up sono in genere gli enti pubblici, oppure le nuove realtà nate nel corso degli ultimi anni come Business Angel o Venture Capital.

Finanziamenti startup, come funzionano

La via classica per eccellenza è quella del prestito bancario, ma in questo caso le start-up dovranno offrire le più classiche garanzie di solvibilità che tutti devono presentare quando stipulano un mutuo o un prestito con un istituto bancario. Fortunatamente, nel tempo, sempre più banche hanno istituito linee di credito per le startup a condizioni agevolate. Agevolazioni come una fase di preammortamento da 6 a 12 mesi, tassi d’interesse concorrenziali ed altro ancora.

Altra via percorribile sono i numerosi bandi di concorso realizzati espressamente per le start-up. Bandi che possono essere organizzati da enti pubblici statali o anche dall’Unione Europea. Di bandi per le startup ce ne sono di tutti i tipi, ovviamente, i più ricercati sono quelli che prevedono finanziamenti a fondo perduto, cioè che non prevedono la restituzione del capitale investito.

Molto ricercati anche i finanziamenti a tasso agevolato, come quelli che prevedono il tasso zero, spesso erogati dalla Pubblica Amministrazione. Generalmente, per poter accedere a questi bandi è necessario effettuare una precisa richiesta online, caricando il piano dettagliato per il quale si chiede il finanziamento. Parlando di bandi organizzati da enti pubblici, i più comuni sono quelli per i giovani e per l’imprenditoria femminile.

Accanto a queste forma di finanziamento per le start-up, negli ultimi anni sono sorte figure come Business Angel e Venture Capital che investono per la crescita delle nuove realtà imprenditoriali. La prima è un soggetto che può disporre di molta liquidità e che finanzia la nascita di nuova start-up chiedendo in cambio una parte dell’attività. Chi seguirà questa via deve prepararsi a cedere una parte della sua attività e a dover accettare anche alcune decisioni nel business plan. La seconda realtà, invece, è l’apporto di capitale di rischio da parte di un investitore che punta a finanziare le attività in settori ad alto potenziale di sviluppo.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968