Fondo PMI: benefici per piccole e medie imprese

fondo di garanzia pmi

Il fondo PMI è un fondo di garanzia destinato alle piccole e medie imprese. È stato istituito con la legge 662 del 1996. Le imprese possono ottenere, tramite questo strumento finanziario, una garanzia pubblica sul denaro che hanno ricevuto dalle banche. Spesso infatti, quando un’impresa ha la necessità di rivolgersi ad un istituto bancario per ottenere un prestito, si trova in presenza della richiesta di garanzie. Ecco quindi che interviene il fondo italiano PMI, che dà alle banche che lo richiedono la possibilità di una copertura. Ma andiamo nel dettaglio e scopriamo che cosa fa il fondo per le PMI e quali sono i requisiti per accedere a questo fondo di garanzia per le PMI.

Fondo PMI: i benefici che si ottengono

Accedendo al fondo di garanzia, le piccole e medie imprese hanno la possibilità di vedere sostenuto il loro sviluppo, contando su una garanzia pubblica. L’operazione non comporta dei rischi per la banca, perché, se l’impresa non dovesse avere più la possibilità di restituire il debito, la banca verrebbe risarcita dal fondo centrale di garanzia.

Anche nel caso in cui quest’ultimo esaurisse i fondi a disposizione, il risarcimento avverrebbe direttamente da parte dello Stato. L’impresa, accedendo ai benefici del fondo, non riceve un contributo in denaro, ma può ottenere il finanziamento richiesto alla banca senza dover presentare ulteriori garanzie.

Inoltre non deve fare i conti con fideiussioni o polizze assicurative, perché gli importi concessi dalle banche sono garantiti dal fondo fino al 60% e a volte fino all’80%. Il tetto massimo previsto è di 1,5 milioni di euro. Per quanto riguarda i tassi di interesse e le condizioni di rimborso, il fondo non se ne occupa direttamente, ma rimanda il tutto alla contrattazione tra la banca stessa e l’impresa che richiede il prestito.

Chi può accedere al fondo PMI

Possono accedere al fondo di garanzia soggetti come piccole e medie imprese, anche costituite in forma cooperativa. Sono escluse però le imprese artigiane. Le garanzie possono essere concesse ai consorzi e alle società consortili di servizi alle PMI. Inoltre ne possono beneficiare le società consortili miste, anche se devono rientrare nei parametri previsti per le piccole e medie imprese.

In particolare possono essere agevolati attraverso il fondo di garanzia diversi settori, come le attività manifatturiere, le costruzioni, il commercio all’ingrosso e al dettaglio. Il fondo si rivolge anche ad alberghi e ristoranti, ai trasporti, alle attività immobiliari, a chi si occupa di riparazioni di autoveicoli, a chi opera nell’istruzione, nella sanità e in altri servizi sociali.

Il fondo di garanzia può essere richiesto anche per investimenti da effettuare all’estero. È da ricordare che è disponibile anche una forma di controgaranzia, che consiste in una garanzia prestata dal fondo a favore dei confidi e di altri consorzi che concedono garanzie. In questi casi però la controgaranzia è concessa in una misura che non deve superare il 90%.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.