Garanti e coobbligati: differenze

coobbligato

Quando si devono affrontare investimenti importanti come l’acquisto della prima casa, le persone spesso si rivolgono alle banche per ottenere un prestito o per accendere un mutuo. Tuttavia, alla richiesta non equivale sempre una risposta affermativa. Gli istituti finanziari, infatti, prima di erogare il finanziamento valutano la posizione del richiedente per capire se potrà sostenere il pagamento delle rate e se quindi è solvibile.

Per tutelarsi maggiormente e per concedere i fondi con maggiore facilità, le banche possono richiedere specifiche garanzie per ridurre sensibilmente il rischio di insolvenza e di perdita del capitale prestato. In questo scenario si possono inserire le figure dei garanti e dei coobbligati.

Il ruolo del garante

Le banche possono richiede la figura del garante, cioè un soggetto che diventi responsabile della restituzione del capitale finanziato. Se il debitore dovesse non essere più in grado di pagare le rate per un qualsiasi motivo, diventando insolvente, il garante dovrà farsi carico di questo onere. Ovviamente, le banche non accettano che una persona qualsiasi acquisisca il ruolo di garante. Anche questa persona, infatti, deve possedere alcune specifiche caratteristiche soprattutto dal punto di vista economico.

Per esempio, dovrà possedere un lavoro a tempo indeterminato e beni che possano essere utilizzati per rimborsare il capitale finanziato. Anche il garante, dunque, deve essere una persona affidabile, solvibile e non presentare criticità.

Coobbligato: chi è e che ruolo svolge

La figura del coobbligato è molto simile a quella del garante e spesso i ruoli vengono confusi. Con questa figura ci si riferisce ad un soggetto o a più soggetti che insieme sono responsabili dell’adempimento di un debito. Tipico caso di mutui contratti da coniugi in cui marito e moglie devono assolvere al pagamento delle rate del finanziamento. Entrambi, dunque, sono responsabili del prestito e nel caso che una delle due parti non sia in grado di pagare la rata, l’altra dovrà intervenire per saldare quanto dovuto. Il coobbligato, comunque, non sarà obbligato dalla banca all’accensione di un’ipoteca sui propri beni patrimoniali.

Garante e Coobbligato: le differenze

Le differenze tra queste due figure sono molto sottili anche perché assolvono alla medesima funzione e cioè intervenire in caso il debitore non sia più in grado di pagare le rate del mutuo. Figure, dunque, di garanzia che le banche o le finanziarie richiedono a maggior tutela dei loro investimenti. C’è comunque una piccola ma importante differenza tra i due ruoli. Il coobbligato è tenuto ad intervenire immediatamente a coprire le rate del debito. Il garante, invece, interverrà solamente dopo la messa in mora del debitore da parte del creditore. A quel punto, però, anche il creditore diventerà un coobbligato visto che dovrà corrispondere alle banche o alle finanziarie le rate non pagate e residuali del debito. In caso di difficoltà anche del garante, le banche possono “aggredire” il suo patrimonio immobiliare attraverso pignoramenti e vendite all’asta.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.