Opposizione al pignoramento: come funziona

opposizione al pignoramento

Il pignoramento è il primo atto dell’esecuzione forzata con cui il creditore decide di recuperare giudizialmente il proprio credito nei confronti del debitore inadempiente. In termini molto più semplici, il pignoramento è un’ingiunzione attraverso la quale un ufficiale giudiziario intima al debitore il divieto di porre in essere su alcuni beni atti che possano limitarne la garanzia per il creditore di ricevere l’adempimento di quanto gli è dovuto. Ogni atto contro l’ingiunzione è invalido. Il pignoramento serve per poter preservare i beni che il creditore potrà poi mettere in vendita per recuperare parte o tutto il finanziamento erogato che il debitore non è stato più in grado di pagare.

Dal momento della notifica dell’atto, il debitore avrà 10 giorni per saldare il debito, oppure il creditore potrà procedere al pignoramento. In questa fase, il debitore può comunque provare ad evitare il pignoramento o trovando un accordo con il creditore, oppure formalizzando un’opposizione formale, anche se questo ultimo caso è possibile solo in specifici casi.

Opposizione al pignoramento: come funziona

L’istanza di opposizione, come ben si intuisce, punta a contestare nel merito le modalità di attuazione del pignoramento. Sono legittimati a procedere all’opposizione tutti coloro che in concreto subiscono l’esecuzione. Possono opporsi non solo i debitori ma anche gli eventuali terzi proprietari del bene pignorato o i soggetti terzi comunque espropriati. Questi sono identificati come legittimati attivi ed accanto a loro ci sono anche i legittimati passivi che sono il creditore precedente e quelli intervenuti muniti di titolo esecutivo.

Contestare l’esecuzione significa metterne in dubbio la legittimità che si fonda su di un titolo esecutivo. Attraverso questo strumento di può negare l’esistenza stessa del titolo esecutivo, contestarne la nullità, negarne la sua idoneità a fondare la sua nullità da parte o nei confronti di un soggetto e negare la corrispondenza della misura richiesta con il contenuto del titolo.

In qualsiasi caso si tratta di contestazioni di natura processuale. L’opposizione, tuttavia, può anche basarsi su ragioni di carattere sostanziale, cioè sul merito. Questo accade quando si nega l’esistenza del diritto per cui si procede, indicando fatti impeditivi o estintivi sopravvenuti nel tempo.

L’opposizione può avvenire in due momenti differenti, cioè quando l’esecuzione è stata solo preannunciata o quando è già iniziata.

Se l’esecuzione del pignoramento è stata solamente annunciata, l’opposizione viene fatta contro il precetto mediante atto di citazione avanti al giudice competente in materia. Il giudice può sospendere l’efficacia esecutiva ed attendere l’esisto del nuovo giudizio.

Nel caso, invece, l’esecuzione sia già iniziata, cioè quando s’è già stata la notifica dell’atto di pignoramento, l’opposizione si effettua depositando uno specifico ricorso al giudice dell’esecuzione stessa che sarà, quindi, tenuto a decidere delle sorti dell’esecuzione in base alle nuove prove presentate.

L’opposizione all’esecuzione è inammissibile se proposta dopo che è stata disposta l’assegnazione o la vendita del bene pignorato.

In tutti i casi è sempre bene rivolgersi ad un legale competente in materia che saprà dare i giusti consigli ed aiutare il cliente nella procedura di opposizione.

 

 

 

Immagine: Alessandra Raimondi via Flickr

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.