Assicurazione prestito: costi e condizioni

assicurazione prestito

Se avete provato almeno una volta a richiedere un prestito, di certo vi sarà stato proposto di stipulare, contestualmente, anche un’assicurazione. In alcuni casi essa risulta obbligatoria, ma in effetti il più delle volte si può scegliere se associare una polizza al proprio finanziamento. Cerchiamo di capire quand’è che può rivelarsi una scelta utile, a quanto ammonta il premio e cosa viene coperto dall’assicurazione sul prestito.

Assicurazione prestito: quando è obbligatoria

Cominciamo col dire che, nella maggior parte dei casi, l’assicurazione sul prestito non è obbligatoria, al contrario di quanto avviene per i mutui (per i quali è necessario proteggere l’immobile da incendio e scoppio). Lo diventa però quando si intende richiedere una cessione del quinto. In questa eventualità, si deve stipulare una polizza sulla vita, che va a tutelare entrambe le parti. In caso di decesso dell’intestatario del finanziamento, l’istituto assicurativo provvederà a pagare il debito residuo alla banca, senza che la famiglia del defunto sia costretta a sostenere le rate del prestito. Allo stesso tempo, i dipendenti dovranno assicurarsi contro la perdita dell’impiego, cosicché in caso di licenziamento l’istituto erogatore potrà riscuotere il denaro dato in prestito tramite il TFR maturato.

Per i prestiti personali, come dicevamo, non vi è l’obbligatorietà della polizza assicurativa. Ciononostante, ogni istituto di credito propone una soluzione adatta alle esigenze del cliente come servizio accessorio: le assicurazioni più comuni sono quelle che coprono contro il rischio di insolvenza (attenzione però, la causa dei mancati pagamenti spesso è riconosciuta come tale solo nei casi più gravi, ad esempio per perdita del posto di lavoro, malattia o decesso); quelle più complete, poi, prevedono anche il pagamento delle rate al posto del debitore per un determinato periodo o l’estinzione del debito. Ovviamente, per effetto della legge sulla libera concorrenza, la banca o la finanziaria hanno l’obbligo di offrire almeno 2 preventivi oltre a quello della compagnia con cui l’istituto di credito è convenzionato; inoltre, se ciò non dovesse essere sufficiente, il cliente ha la facoltà di aderire ad un’altra offerta, che può trovare in autonomia entro 10 giorni.

Polizza assicurativa: quando conviene

Poiché la stipula di un’assicurazione prevede dei costi da non sottovalutare, quando si è abbastanza certi di poter rimborsare il proprio debito senza problemi non conviene aggiungere anche questo servizio. Al contrario, se non si hanno entrate fisse o un contratto di lavoro particolarmente sicuro e la cifra richiesta in prestito è elevata, la scelta di una polizza assicurativa è caldamente consigliata. Alcune banche, anzi, la pongono come condizione vincolante l’erogazione del prestito.

Costi e modalità di pagamento

Come si può immaginare, il fatto che la compagnia assicurativa si proponga di saldare il debito al posto di chi ha stipulato il finanziamento prevede costi non indifferenti. Per tale motivo, è sempre bene valutare con attenzione la convenienza o meno di un’assicurazione, confrontando anche più preventivi. Il premio dell’assicurazione, infatti, varia anche e soprattutto in base all’aspettativa di vita e non solo in base all’importo e alla durata del prestito: così, ad esempio, una donna o un giovane adulto pagheranno meno rispetto ad un pensionato in età avanzata che richiede una cessione del quinto.

Facciamo un esempio pratico. Per un prestito da € 20.000 da rimborsare in 84 rate, Findomestic propone un premio assicurativo mensile di circa € 21. A pari richiesta, Fiditalia offre un’assicurazione facoltativa il cui costo totale è di € 1.680; Agos, invece, propone una polizza da € 900 complessivi, il 4,50% dell’importo finanziato.

Per ciò che riguarda le modalità di pagamento, è possibile scegliere se versare l’intera somma all’accensione del prestito o se diluire anche l’assicurazione in maniera rateale. In quest’ultimo caso, all’importo della rata verrà aggiunto il premio assicurativo.

Un ultimo aspetto cui prestare attenzione: l’assicurazione è prevista nel TAEG, ossia nel costo complessivo del finanziamento, solo nel caso in cui essa sia obbligatoria. Negli altri casi, la polizza sarà un costo aggiuntivo al prestito.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968