Finanziamenti per la sanità a rischio?

Finanziamenti per la sanità a rischio? Palazzo Chigi nega. ”Contrariamente a quanto riportato dai media il presidente ha voluto attirare l’attenzione sulle sfide cui devono far fronte i sistemi sanitari per contrastare l’impatto della crisi. Ciò vale, peraltro, per tutti i settori della pubblica amministrazione. Le soluzioni ci sono e vanno ricercate attraverso una diversa organizzazione più efficiente, più inclusiva e più partecipata dagli operatori del settore. Le garanzie di sostenibilità del servizio sanitario nazionale non vengono meno”. Questo è quanto è stato pubblicato in una nota diffusa ai media da Palazzo Chigi, per precisare le parole di qualche giorno fa del premier Mario Monti sul Servizio sanitario nazionale.

Il presidente del Consiglio aveva parlato di una “sostenibilità del nostro Sistema sanitario nazionale” che ”potrebbe non essere garantita se non si individuano nuove modalità di finanziamento“.

“Andiamo fieri del nostro Servizio sanitario nazionale, il ministro Balduzzi lavora incisivamente per migliorarlo ulteriormente – ha detto – in futuro la sostenibiltà dei sistemi sanitari potrebbe non essere garantita se non si individuano nei prossimi due anni nuove modalità di finanziamento e di rioganizzazione dei servizi e delle prestazioni”. Quindi, “la posta in palio è altissima. Anche l’innovazione medico-scientifica deve partecipare attivamente alla sfida”.

Le repliche a queste parole non si sono fatte attendere, molti hanno visto in queste frasi dichiarazioni di default del sistema sanitario nazionale, anche se le precisazioni arrivate in seguito sembrano scongiurare questa eventualità. Non resta che sperare.

 

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968