Il prestito e le sue garanzie

Pubblicato il 18 maggio 2013

Prima di concedere un prestito, le banche e gli istituti di credito vogliono avere la certezza che ci siano delle garanzie affinchè il finanziamento da loro concesso venga restituito.

Sarà quindi difficile accordarne uno a chi non ha busta paga, o comunque un reddito che non è dimostrabile e certo nel tempo, come nel caso di un lavoratore atipico.

Ma ci sono anche imprevisti e difficoltà che possono accadere a un lavoratore a tempo indeterminato, e in questo periodo di crisi sono molti i contratti “stabili” che si sono visti finire in cassa integrazione o in mobilità.

Ottenere un finanziamento in questi casi così diversi fra loro è più complicato ma non impossibile. Alcuni istituti di credito possono concedere un prestito senza busta paga se per esempio c’è la garanzia di un immobile di proprietà, che può essere così ipotecato.

Si può, nel caso si sia precari o senza lavoro, cercare una persona con reddito fisso che accetti di farci da garante.

Ci sono anche fondi di garanzie, istituiti da regioni o province in accordo con alcune banche, che cercano di garantire finanziamenti per lavoratori precari o per soggetti in difficoltà.

Nessun commento ancora pubblicato »

Lascia un Commento

Calcolo rata prestiti personali