La Svizzera vieta le pubblicità sui prestiti

Svizzera. tanto vicina e così lontana, quasi un mondo a sé. Qui, infatti, per scoraggiare l’eccessivo indebitamento dei giovani, il parlamento ha deciso di vietare la pubblicità sui prestiti personali di piccoli importi.

E la deputata Josiane Aubert, la considera già una vittoria, ovvero, si è riconosciito che l’indebitamento giovanile è un problema e che bisogna trovare una soluzione per arginarlo.

LE REGOLE SVIZZERE CONTRO L’INDEBITAMENTO
In realtà la battaglia contro l’indebitamento giovanile è iniziato da tempo in Svizzera, tanto che due norme che hanno proprio lo scopo di deterrente sono già state approvate. La prima impone agli istituti di credito di investire una parte dell’utile sui prestiti in programmi di prevenzione nazionale (notiamo che l’indebitamento viene trattato come una malattia); l’altra prevede un programma di monitoraggio governativo sui livelli di indebitamento giovanile.

Sì, perché indebitarsi è pericoloso a livello sociale, così pensano in Svizzera: chi ha debiti finirà per pesare di più sulle casse statali e sulle finanze pubbliche.

CONSUMISMO AL BANDO
Di pari passo, le pubblicità che spingono ad indebitarsi per fare una vacanza o per comprarsi un televisore di ultima generazione, vengono considerate un danno per il Paese: «Queste pubblicità spingono ad un consumismo incontrollato; presentano il prestito come un atto neutro e senza conseguenze», spiega Florence Bettschart, giurista della Federazione romanda dei consumatori.

Ecco perché c’è bisogno di prevenire. Insomma, nella patria delle banche e dei capitali, si conosce bene il denaro, i suoi rischi, e soprattutto quelli della finanza.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968