Mandato all’incasso, come funziona questa garanzia

mandato all'incasso

Un imprenditore, quando ha bisogno di fondi per la propria attività, si rivolge normalmente a banche o finanziarie. Prima di concedere il prestito, però, l’istituto finanziario valuta con accuratezza la posizione economica del richiedente e nella maggior parte dei casi, per accordare il finanziamento, la banca richiede delle specifiche garanzie.
Tra le garanzie che possono essere chieste c’è anche il così detto mandato all’incasso (in “rem propriam” – art. 1723 del codice civile). Con la stipula di questo accordo, la banca è legittimata, nei rapporti interni, ad incassare per conto dell’imprenditore una parte dei crediti che vanta nei confronti di altri soggetti.

Mandato all’incasso: come funziona

L’imprenditore, dunque, per ottenere i finanziamenti necessari, rilascia alla banca questa particolare garanzia e fa in modo che i suoi creditori versino quanto dovuto direttamente all’istituto finanziario, solitamente all’interno di un conto corrente aperto per l’occasione.

La banca, dunque, è autorizzata a soddisfare i propri crediti mediante i pagamenti dei creditori del suo debitore attraverso questo conto corrente. In termini molto più semplici, una volta che tra le parti è stata stipulata questa garanzia, la banca si impegna ad incassare i crediti del suo debitore come compensazione del finanziamento erogato e sino alla chiusura del rimborso completo della somma prestata.

La banca, inoltre, si impegna a rimettere al suo cliente la differenza tra quanto incassato e quanto trattenuto in compensazione del debito. In alcuni casi, le somme ottenute non vengono usate come compensazione ma solo come garanzia in casi di insolvenza. Trattasi di una forma di garanzia molto pratica e che consente importanti vantaggi sia per le banche che per l’imprenditore stesso.

Mandato all’incasso: i vantaggi

L’imprenditore, infatti, grazie al mandato all’incasso sottoscritto con la banca potrà ottenere il finanziamento senza dover corrispondere altre forme di garanzie come l’ipoteca su di un immobile. Inoltre, l’imprenditore non dovrà comunicare a terzi la sua situazione finanziaria come può avvenire nel caso, per esempio, della cessione del credito. I suoi creditori, infatti, dovranno semplicemente versare quanto dovuto nel conto corrente predisposto dalla banca.

Gli istituti finanziari, invece, grazie al mandato all’incasso possono disporre di vantaggi importanti. Grazie a questa particolare forma di garanzia, le banche possono ridurre progressivamente nel tempo la loro esposizione, rientrando rapidamente di quanto prestato. Questo è possibile, però, solamente se gli incassi entrano nel conto corrente regolarmente.
Trattasi, in definitiva, di una forma di garanzia che ben si adatta alle necessità delle imprese che hanno bisogno di liquidità e che possono fornire a garanzia i crediti che vantano nei confronti di soggetti terzi.

Per gli imprenditori che stanno cercando un finanziamento per la propria attività, la scelta migliore è quindi quella di effettuare più preventivi in diverse banche per trovare la soluzione più adatta alle loro esigenze che possa anche includere eventualmente questa particolare forma di garanzia.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968