Prestito sociale COOP: come funziona e i rischi

prestito sociale coop

Il prestito sociale COOP è una forma di credito riservata ai soci COOP e ha l’obiettivo di soddisfare le richieste dei clienti. I soci di COOP hanno la possibilità di affidare i loro risparmi alla società cooperativa, in modo che tutti insieme possano contribuire al suo sviluppo. In generale, il prestito sociale è una forma di finanziamento che viene utilizzata dalle cooperative e a cui non possono accedere persone fisiche o aziende per raggiungere obiettivi differenti da quelli condivisi nell’ambito del consorzio a cui appartengono.

Prestito sociale COOP: come funziona

I prestiti sociali, in generale, secondo le norme indicate dalla legge, possono essere concessi per un importo massimo di 72.180 euro per ogni socio, per quanto riguarda le cooperative che operano nel settore agricolo e in quello edile. Per tutti gli altri tipi di cooperative, l’importo massimo è pari a 36.090 euro.

Il Ministero del Lavoro ogni tre mesi aggiorna questi limiti tenendo conto dell’indice Istat dei prezzi al consumo. Il vantaggio dei soci che richiedono un prestito di questo genere consiste nel ricevere un rendimento sul capitale e nell’avere la possibilità di accedere a molti servizi.

Per poter accedere al prestito sociale COOP bisogna possedere il libretto del prestito sociale, che è un libretto di risparmio. Quest’ultimo consente di versare e prelevare tutte le somme desiderate, senza incorrere in alcuna spesa. Si può aprire un libretto presso uno dei punti soci di un negozio COOP. Si devono fornire il documento di identità, il codice fiscale e la carta socio COOP. In qualsiasi momento si può decidere di chiudere il libretto, ottenendo la liquidazione degli interessi maturati fino a quella data.

Diventare titolare del prestito sociale permette di compiere molte operazioni, senza avere spese extra. Si possono effettuare versamenti e prelievi sia in contanti che con assegno. Si possono effettuare bonifici sul conto corrente del socio prestatore. L’unico elemento da ricordare è che possono essere versati solo assegni non trasferibili intestati a COOP e che abbiano un importo pari o superiore a 1.000 euro. Il limite massimo per quanto riguarda gli assegni è di 9.999,99 euro.

I rischi del prestito sociale COOP

Secondo le opinioni di alcuni, accedere ad un prestito sociale di questo genere non è così vantaggioso, visto che potrebbe comportare anche alcuni problemi. Per alcuni, il prestito sociale si potrebbe rivelare peggiore delle obbligazioni bancarie. I negozi COOP infatti svolgono le funzioni di una vera e propria banca. Su questo punto Bankitalia si è espressa varie volte, precisando che le cooperative avrebbero il divieto di effettuare raccolte rimborsabili a vista.

La COOP ha cercato di aggirare il problema, eliminando la dicitura “depositi a vista” e sostituendola con quella che recita “preavviso di almeno 48 ore”. Tutto ciò lascia comunque aperti molti dubbi, che dovrebbero essere tenuti in debita considerazione da parte di chi chiede un finanziamento di questo tipo.

Il prestito sociale, secondo le regole di COOP, a detta di alcuni analisti, potrebbe rivelarsi un investimento a rischio, molto di più delle obbligazioni subordinate.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.