RID Bancario: cos’è e che dati servono per attivarlo

rid bancario

Il pagamento tramite RID bancario è sempre più utilizzato dai correntisti che hanno un finanziamento in corso (e non solo). Per attivarlo servono pochi semplici dati: capiamo meglio come funziona questa forma di pagamento e quali sono i dati da fornire.

RID, SDD, addebito SEPA: tante denominazioni per lo stesso concetto

Il termine RID (Rapporto Interbancario Diretto), in effetti, non dovrebbe essere più usato. Recentemente, infatti, è stato reso obbligatorio il sistema di addebito SEPA, altrimenti chiamato SDD (Sepa Direct Debit), a cui aderiscono i Paesi della UE ed altre Nazioni Europee non facenti parte della Comunità, per un totale di 32 Paesi. Ciò ha permesso di unificare i diversi sistemi, rendendo queste azioni più agili e veloci; non cambia, però, la sostanza. Questa modalità di pagamento altro non è che un mandato, una delega che si fa nei confronti della banca in modo da automatizzare dei pagamenti ricorrenti, come quelli di un prestito, di un mutuo, ma anche delle bollette. L’addebito SEPA fornisce diversi vantaggi, tra cui quello di non doversi ricordare dei vari pagamenti; inoltre non è necessario recarsi in Banca o alle Poste e si è esenti dal pagare le imposte di bollo: con questo tipo di pagamento non vi sono costi extra da sostenere. L’unico aspetto da tenere in conto è che è necessario avere sempre il denaro sufficiente alla rata da pagare al momento dell’addebito; inoltre, in caso si debba interrompere la procedura, sarà compito del debitore dover avvisare la banca con congruo anticipo. Ovviamente, qualora necessario, è possibile richiedere la revoca del pagamento via RID in qualsiasi momento.

I dati da tenere sotto mano per attivare il pagamento tramite RID

Attivare un pagamento tramite addebito SEPA è davvero semplice. Il più delle volte è lo stesso creditore a fornire (e precompilare, per la sua parte) il modello apposito; in altri casi è possibile trovare il form di richiesta direttamente online, sul sito ufficiale del soggetto cui si deve il denaro.
Per procedere con l’operazione, sarà necessario fornire i seguenti dati:

  • Dati anagrafici. Nome, cognome, indirizzo completo della residenza sono i dati-base che vengono richiesti. Ci si riferisce, in particolar modo, alle informazioni personali relative a chi intende pagare a rate un certo bene o servizio; se questi è una persona diversa dall’intestatario del conto corrente da cui verranno prelevati i soldi, va da sé che entrambe le sezioni andranno compilate.
  • Codice fiscale. Che lo ricaviate online tramite uno dei tanti strumenti disponibili in rete o che abbiate a portata di mano la vostra tessera sanitaria, poco cambia: l’importante è fornire il codice fiscale.
  • Codice IBAN. L’informazione forse più importante è proprio questa: si tratta del codice alfanumerico che identifica il conto corrente su cui verrà addebitato, secondo le scadenze previste, il pagamento del bene o servizio richiesto.
  • Codice identificativo del Debitore. Spesso questo dato viene precompilato dal creditore; in alcuni casi, tuttavia, è necessario compilarlo da soli. Si riferisce, in sostanza, al codice utente utilizzato dalla società che offre il bene o servizio per identificare il suo cliente. Si pensi, ad esempio, al codice di utenza delle bollette.

In alcuni casi, infine, sono richiesti ulteriori dati relativi alla Banca del debitore. Parliamo, ad esempio, del nome dell’istituto di credito, del codice BIC o Swift associato ad esso (utilizzato in particolar modo per addebiti internazionali), del codice ABI (univoco per ogni banca) e del codice CAB, che va ad identificare una filiale specifica. Ognuno di essi può essere facilmente ricavato contattando la propria banca.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968