Rating Bancario aziendale: come migliorarlo

rating bancario

Per le aziende, migliorare il proprio rating bancario è fondamentale perché significa avere più facilità per poter accedere ad una linea di credito. E l’accesso ai finanziamenti, per molte aziende, è spesso la discriminante per poter andare avanti o per fallire.

Rating Bancario, cos’è

Questo parametro, così importante per le aziende, è il giudizio sulla solvibilità dell’impresa. Da un certo punto di vista può essere visto come una sorta di pagella dell’affidabilità finanziaria di un’impresa. Per andare avanti, le aziende spesso ricorrono a finanziamenti che possono essere a breve o a lungo termine. A seguito degli accordi di Basilea 2 e Basilea 3, quello che più tengono in considerazione le banche non è tanto l’ammontare del debito, quanto la capacità di ripagarlo. Ci sono stati molti casi, infatti, di aziende che non hanno ripagato piccoli prestiti mentre altre realtà hanno saputo restituire finanziamenti molto importanti. Dunque, le aziende che riescono a far fronte ai propri debiti ottengono un giudizio molto positivo in termini di rating bancario e continuano a poter avere ancora accesso ad ulteriori linee di credito.

Cosa influisce sul Rating Bancario

Il giudizio che le banche danno alle aziende, però, non è immutabile e le imprese possono lavorare per migliorarlo e per poter accedere, così, più facilmente a finanziamenti. Il Rating viene calcolato basandosi su tre criteri:

  • Aspetti Qualitativi (qualità dell’impresa);
  • Aspetti Quantitativi (Bilanci);
  • Aspetti Andamentali (movimentazione dei conti, uso dei fidi…).

Gli Aspetti Qualitativi e Quantitativi incidono poco sul rating e quindi da questo punto di vista non è possibile fare molto. A pesare maggiormente, invece, sono gli elementi che emergono dal bilancio. Dunque, fondamentali sono gli Aspetti Andamentali. Le banche accedono a tali dati per dare il loro giudizio. Da evidenziare che le valutazioni sono fatte solamente una volta all’anno.

Come migliorare il rating bancario dell’azienda

Per migliorare il proprio rating è possibile seguire alcuni semplici suggerimenti.

  1. Il primo è di non lasciare il conto fermo ed in negativo per un lungo tempo. Meglio ricorrere a forme di finanziamento ma solamente adatte alle proprie necessità.
  2. Le aziende dovrebbero utilizzare correttamente i fidi senza mai esaurirli. Un uso completo dei fidi potrebbe, infatti, far pensare a difficoltà finanziarie.
  3. Le aziende, inoltre, dovrebbero evitare sconfinamenti, cioè utilizzare una linea di credito oltre i limiti dell’accordo. Importante, dunque, monitorare costantemente i saldi debitori bancari, soprattutto verso fine mese quando si concentrano la maggior parte sia degli incassi ma anche dei pagamenti.
  4. Importante anche essere in regola con i pagamenti delle rate dei prestiti. Dunque, il suggerimento è quello di richiedere finanziamenti con piani di pagamento congrui con le proprie reali possibilità di pagamento.
  5. Infine, un’elevata percentuale di insoluti è un indicatore di problemi che non aiuta a migliorare il proprio Rating Bancario. Il suggerimento è, quindi, quello di selezionare la propria clientela e classificarla in base ai tempi e alle puntualità di pagamenti. Alle banche andrà presentato solo il portafoglio clienti più valido.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

TRIBOO Copyright © 2018 Triboo Direct, tutti i diritti riservati. Realizzato da Triboo Direct S.r.l. - viale Sarca 336 Ed.16 - 20126 Milano Partita IVA n. IT09290830968