Nuova Sabatini: come funziona il bonus per beni strumentali

nuova sabatini

Nuova Sabatini MISE è un contributo che il Ministero dello Sviluppo Economico riconosce per l’acquisto di beni strumentali. L’agevolazione è rivolta soprattutto a quelle aziende che vogliono diventare competitive nel mercato. Si può usufruire del bonus fino al 31 dicembre del prossimo anno. Con il contributo anche le piccole e medie imprese avranno una maggiore facilitazione nell’accesso al credito. Ma come funziona di preciso la Nuova Sabatini? Qual è l’iter operativo che bisogna seguire per ottenere i finanziamenti? Per ottenere il contributo bisogna rivolgersi a delle banche convenzionate, presso le quali è possibile rintracciare anche tutte le informazioni per ciò che concerne la procedura.

Come funziona Nuova Sabatini MISE

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione per le imprese che hanno la necessità di acquistare beni strumentali un contributo per coprire gli interessi sui finanziamenti bancari, quando l’impresa si rivolge ad un istituto di credito per avere un prestito. Le imprese che si rivolgono a questa agevolazione hanno anche la possibilità di richiedere la copertura del finanziamento attraverso la garanzia dello Stato. A questo scopo è a disposizione il fondo di garanzia che riesce a coprire fino all’80% del prestito.

Ci sono comunque alcuni requisiti che si devono tenere in considerazione da parte di chi vuole richiedere questo contributo. La durata del finanziamento deve essere al massimo di cinque anni. Il prestito deve avere un importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro e ovviamente il finanziamento deve riguardare gli investimenti che sono ammessi dal piano.

Inoltre le imprese, per accedere al contributo, devono avere una sede operativa in Italia, devono essere iscritte nel registro delle imprese, non devono essere in difficoltà economica, devono godere pienamente dei loro diritti e non devono aver ricevuto aiuti ottenuti in maniera illegale.

Per quali settori si possono chiedere i contributi

I settori per i quali si può fare richiesta per i contributi da parte del Ministero dello Sviluppo Economico con la Nuova Sabatini sono differenti. Il contributo per i beni strumentali è rivolto a tutte le imprese in qualsiasi settore produttivo. Gli unici campi esclusi sono quelli che riguardano l’industria del carbone, le attività finanziarie e assicurative, la produzione di alimenti a base di latte e le attività che riguardano l’esportazione.

Con il contributo ottenuto si possono acquistare macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali da utilizzare nel campo produttivo, hardware e software. Non possono essere acquistati terreni e fabbricati.

Come richiedere il bonus beni strumentali e le novità

Le imprese che vogliono accedere al bonus devono utilizzare il sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico, in cui troveranno una sezione apposita per la Nuova Sabatini. Qui devono compilare la domanda. I moduli devono essere firmati con la firma digitale e devono essere inviati tramite un indirizzo di posta certificata alla banca a cui ci si rivolge per richiedere il prestito.

Dopo l’iter di verifica dei requisiti, se si ottiene un esito positivo, l’impresa può effettuare gli investimenti già dal giorno successivo all’invio della domanda.

I tempi per gli investimenti non devono superare i 12 mesi dal momento della stipula del contratto e tutto deve essere completato entro 60 giorni dopo aver effettuato i primi investimenti.

Dopo che l’impresa ha comunicato il completamento della procedura al Ministero dello Sviluppo Economico, viene erogato il contributo, solitamente suddiviso in quote annuali. Di recente sono state apportate delle novità per quanto riguarda soprattutto l’elenco dei beni immateriali per i quali si possono utilizzare i finanziamenti.

Infatti rientrano in questa lista anche tutti quegli strumenti che servono per la progettazione, la modellazione 3D e la sperimentazione del processo produttivo. Un’apposita circolare del MISE del 3 agosto 2018 segnala anche l’introduzione di una maggiore semplificazione dei documenti da allegare alla domanda.

 

 

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.